Carta della Famiglia

Il 9 gennaio in Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto che consente la nascita della Carta della Famiglia.

Che COS’E’ la Carta Famiglia?

Si tratta di uno strumento a sostegno delle famiglie con tre o più figli minorenni a carico,chepermetterà di avere sconti sull'acquisto di beni e servizi.

A chi è rivolta la Carta famiglia?

Destinatari della Carta sono:

- i componenti dei nuclei familiari (cittadini italiani o cittadini stranieri regolarmente residenti sul territorio italiano),

- con almeno tre componenti figli minorenni,

- con ISEE nonsuperiore ad euro 30.000.

 

Come FUNZIONA e quali sono i BENEFICI?

La carta sarà rilasciata dai Comuni aderenti alla misura e consentirà l'accesso a sconti sull’acquisto di beni o servizi e la riduzioni tariffarie con i soggetti pubblici o privati: una rete tutta da costruire.

In allegato pubblichiamo l’elenco di cosa potrà essere scontato in base alle convenzioni che saranno stipulate a livello: locale, regionale e/o nazionale (vedasi l’elenco)

La Carta sarà un tesserino cartaceo (il costo di emissione ove previsto - precisa il regolamento - è a carico del richiedente), e avrà durata biennale.

Uno dei genitori fa richiesta al Comune di residenza dichiarato nell'ISEE, presentando la Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini ISEE in corso di validità.Diventa così titolare della Carta e ne è responsabile dell'utilizzo.

Per ottenere gli sconti occorre esibirla nei negozi, strutture pubbliche e private convenzionati, insieme a un documento di riconoscimento.

I soggetti che stipulano queste convenzioni in favore delle famiglie con figli diventano «Amico della famiglia» se concedono sconti o agevolazioni pari o superiori al 5% rispetto al normale prezzo di listino o all’importo ordinario e «Sostenitore della famiglia» se le agevolazioni sono pari o superiori al 20%.

I benefici possono essere attivati - a seconda delle categorie merceologiche dei beni e delle tipologie di servizi - tramite convenzioni nazionali con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con le Regioni e le Province autonome, con i Comuni. Come si legge sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, "gli sconti, le condizioni agevolate o le riduzioni tariffarie possono riguardare i beni alimentari, i beni non alimentari, i servizi”. Può servire anche a creare uno o più gruppi di acquisto famigliare o per fruire di biglietti famiglia o abbonamenti famiglia per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici o di altro tipo.

Per ulteriori informazioni – Ufficio Servizi Sociali tel. 029083024 - 029083052

 

            Il Sindaco                                        L’Assessore ai Servizi Sociali

        Daniele Del ben                                            Monica Oreni

ALLEGATI